Skip to main content

Home / SICUREZZA / Norme indispensabili per la sicurezza in montagna

Ultimo aggiornamento: 02/08/2010

Norme indispensabili

Per la sicurezza in montagna

Montagna più sicura!

Di seguito i segnali di soccorso alpino necessari per chiamare e rispondere in caso di emergenze...

CHIAMATA: Lanciare SEI volte, nel corso di un minuto, un segnale acustico od ottico e ripetere gli stessi segnali dopo trascorso un minuto

RISPOSTA: Lanciare TRE volte in un minuto un segnale acustico od ottico e ripetere la chiamata dopo trascorso un minuto

Norme indispensabili

Di seguito riportiamo un prezioso decalogo di norme indispensabili redatto dagli AMICI DELLA MONTAGNA che ringraziamo per il prezioso contributo che danno per la cultura della montagna e alla valorizzazione delle Dolomiti Bellunesi.

1. NON ANDARE MAI DA SOLI

2. INDICARE SEMPRE LA PROPRIA META

3. EQUIPAGGIARSI ADEGUATAMENTE ANCHE PER BREVI GITE

4. EFFETTUARE PERCORSI CHE RICHIEDONO MEZZI ARTIFICIALI (corde, chiodi,ramponi ecc.) SOLO SE SI HA UNA BUONA PRATICA NELL'USO DI QUESTI     

5. FARE MASSIMA ATTENZIONE ALLE PREVISIONI DEL TEMPO

6. RISPARMIARE LE FORZE E CERCARE RIPARO PER TEMPO

7. PARTIRE PRESTO LA MATTINA E FARE RITORNO PRESTO ALLA SERA

8. RIMANERE UNITI NELLE SITUAZIONI DIFFICILI

9. SAPER RINUNCIARE IN TEMPO AL RAGGIUNGIMENTO DI UNA META

10. AVERE SEMPRE NELLO ZAINO I MATERIALI INDISPENSABILI (pronto soccorso, accendini, segnalatori, cellulare, indumenti asciutti, alimenti, bevande ecc.)     

11. TENERE PRESENTE CHE IL TELEFONO CELLULARE PUO' NON ESSERE COPERTO DA SEGNALE

12. IN CASO DI RICHIESTA DI SOCCORSO FARE IL NUMERO 118 E DARE INFORMAZIONI PRECISE SU COSA E' SUCCESSO, DOVE E' SUCCESSO E QUANTE PERSONE SONO COINVOLTE

Per gli escursionisti in alta quota

Elenco di alcune situazioni tipo da studiare bene e mettere in pratica, redatta dalla Guida Alpina Gianni Lenza

1. Non partire con previsioni cattive o cattive condizioni della montagna

2. Non salire a tutti i costi anche se è tardi o se il tempo è peggiorato

3. In un gruppo la forza è data dall’elemento più debole, fare gruppi omogenei, ma soprattutto non lasciare mai nessuno indietro, o solo, ad aspettarci

4. Zaino leggero, ma con tutto il giusto equipaggiamento e vestiario

5. Legarsi sempre e utilizzare le tecniche di sicurezza su roccia e su ghiacciaio anche se apparentemente il terreno è facilissimo

6. Informarsi sempre su condizioni o situazione del percorso contattando le guide o i gestori dei rifugi

7. Sulle vie ferrate usate sempre nel modo coretto il kit da ferrata, non fidatevi mai assolutamente della sicurezza fatta senza dissipatore

8. Lasciate sempre detto dove andate, e non esitate ad avvisare se notate qualche cosa di strano.

Per saperne di più, visita il sito web MONTAGNABIELLESE.COM

Come afferma Gianni Lenza " purtroppo la montagna viene sovente affrontata con una leggerezza totale, moltissimi incidenti si sarebbero potuti evitare anche solo tenendoci alle normali norme di sicurezza, che vanno sempre ed inderogabilmente applicate anche sui percorsi più conosciuti e ritenuti più sicuri".

 Al giorno d' oggi l'equipaggiamento ha raggiunto degli standar di sicurezza molto elevati, è quindi un dovere essere perfettamente attrezzati. E' bene  studiare i pochi nodi necessari, poiché la loro conoscenza e il giusto utilizzo delle norme riportate rendono autonomi nella progressione e certi di aver fatto il massimo per la sicurezza.

A tal proposito alleghiamo il depliant di Lenza che potete trovare anche su MONTAGNABIELLESE.COM

386.pdf 3,71 MB